Come curare correttamente l’igiene orale

Come curare correttamente l’igiene orale

Lavare i denti, fa parte di una di quelle azioni che facciamo sempre nella nostra routine; nonostante sia un’attività che ci viene inculcata sin da quando siamo bambini, può capitare di sbagliare le modalità con cui la eseguiamo. Molte volte il problema sta proprio nello strumento che utilizziamo durante questa pratica: lo spazzolino.

Non curare i denti, porta ad una serie di problemi, sia all’interno della bocca che all’organismo in generale. In questo articolo scopriremo come lavare bene i denti, utilizzando nel modo giusto lo spazzolino.

Quale spazzolino bisogna utilizzare?

Spesso non diamo molta importanza alla tipologia di spazzolino che andiamo a scegliere, ma in realtà, essa rappresenta il primo step per una corretta igiene dentale. Lo spazzolino, è importante che sia munito di setole in nylon, che abbia una testina piccola e sia caratterizzato da una durezza media.

Gli spazzolini troppo duri infatti, possono creare danni sia alle gengive che allo smalto dei denti. La testina piccola invece, permette di raggiungere più facilmente la parte posteriore della bocca. Gli spazzolini elettrici sono una buona alternativa agli spazzolini manuali, ma anche quelli vanno scelti e adoperati con precisione e attenzione.

E’ inoltre importante ricordare di sostituire ogni 3 mesi lo spazzolino dal momento che le setole con l’uso, perdono la loro forma originale e la loro efficacia. Per evitare che dei microbi rimangano incastrati tra setola e manico, bisogna risciacquare lo spazzolino dopo l’utilizzo e tenerlo in posizione verticale sino all’uso successivo.

Oltre allo spazzolino, per una corretta igiene orale, sono necessari anche: un dentifricio al fluoro in linea con le proprie esigenze (se ne trovano in commercio per denti sensibili, contro il tartaro, anti carie, e così via), il filo interdentale, da passare tra dente e dente delicatamente prima di iniziare a spazzolare, il colluttorio (meglio se al fluoro e senza alcol) per sciacquare la bocca dopo il lavaggio. E’ importante non dimenticare mai che il dentifricio così come il colluttorio, non vanno assolutamente ingeriti.

Lo spazzolino: errori da evitare

Lo spazzolino da denti, nonostante lo usiamo fin da bambini, tendiamo di frequente ad utilizzarlo in modo scorretto; ad esempio, solitamente tendiamo a spazzolare i nostri denti in senso orizzontale, quindi da sinistra verso destra e viceversa, piuttosto che in senso verticale o circolatorio. Un altro errore da evitare inoltre, è quello di tenere la bocca chiusa durante la pulizia: è sbagliato, in quanto mentre si lavano i denti, la bocca deve rimanere aperta!

 

5 modi naturali per rinforzare il sistema immunitario

Come tutti sappiamo, il sistema immunitario è il sistema di autodifesa del nostro corpo contro i micro-organismi infettivi come virus, batteri e funghi: li attacca e li distrugge, mantenendoci in salute. Può però capitare occasionalmente che questo sistema non riesca nel suo compito: in quei casi, ovviamente, ci ammaliamo, e le nostre cellule bianche – i “soldati” del sistema immunitario – vengono parzialmente distrutte, rendendoci più vulnerabili per un po’ di tempo. Ci sono però, per fortuna, molti modi di rinforzare il sistema immunitario, ed eccone qui cinque completamente naturali e privi di effetti collaterali:

Vivere una vita sana
Non soltanto rispettare alcune semplici norme di vita sana ci permette di evitare disturbi congeniti, ma rinforza anche le nostre difese contro gli agenti patogeni. Uno stile di vita sano deve prevedere un po’ di attività fisica ogni giorno, una dieta equilibrata fra tutti i gruppi alimentari, evitare fumo e alcool eccessivo e mantenersi controllati con check-up regolari dal medico.

Assumere i giusti integratori
Una giusta selezione di integratori a base di erbe può sia proteggere il corpo direttamente da infezioni e malattie che potenziare il sistema immunitario. L’assunzione è molto semplice, dato che gli integratori sono disponibili in semplici capsule o compresse; oltre a questo, molte erbe benefiche sono utilizzabili come spezie in cucina, e possono essere utilmente inserite nei cibi che mangiamo ogni giorno.

Eliminare lo stress
Lo stress è causa di un grandissimo numero di disturbi e malattie, soprattutto cardiache e gastrointestinali: questo perchè sotto stress le ghiandole del nostro corpo producono epinefrina e cortisolo, che affaticano l’intero sistema dell’organismo. Per questo uno stress psicologico può portare a disturbi molto concreti, anche semplici come un’influenza. I modi migliori di eliminarlo sono, oltre al ridurre se possibile le attività che lo causano, massaggi e meditazione, che facilitino il rilassamento.

Fare esercizio fisico

L’attività fisica offre una lunga serie di benefici all’organismo, e fra questi c’è anche quello di mantenere un sistema immunitario ben funzionante. La ginnastica infatti rilassa il corpo, e quindi migliora la circolazione del sangue – che è il veicolo grazie al quale le cellule del sistema immunitario possono raggiungere le aree del corpo dove sono necessarie. Non occorre avere un regime pesantissimo di esercizio in palestra: passeggiate, giri in bicicletta e esercizio leggero sono più che sufficienti a tenersi in forma.

Dormire bene
Il sonno ha un ruolo fondamentale nel permettere al sistema immunitario di rinnovarsi e rinforzarsi; otto ore al giorno sembrano a tanti un lusso, ma sono in realtà la miglior abitudine possibile. La mancanza di sonno genera stress, eleva il livello di sostanze chimiche nocive nel corpo, e deprime il sistema immunitario, esponendoci a tutti i disturbi tipici come le infezioni respiratorie.

In forma dopo i 40: qualche consiglio

Se prima dei 25 potevamo non porci il problema, e se fra i 26 e i 39 abbiamo cercato di arrabattarci come potevamo, arrivati ai 40 anni è necessario che ci rendiamo conto che la necessità di mantenerci in forma è reale e pressante – e che non possiamo farlo più “a caso”, seguendo l’estro del momento, ma dobbiamo renderlo una parte essenziale della nostra giornata. Ecco qualche consiglio utile per i 40enni – e oltre! – che vogliono finalmente rimettersi in forma.

1. Non trascuriamo l’aspetto medico

Se abbiamo qualche problema di salute – anche minimo – o anche solamente se da molti anni non pratichiamo alcun tipo di attività fisica, gettarci a corpo morto in una routine di allenamento senza riflettere ha molte più probabilità di danneggiarci – anche in maniera significativa – che di aiutarci a tornare in forma. Prima di cominciare, consultiamo il nostro medico, e sentiamo il suo parere su quale tipo di attività e di esercizi sia più adatta per noi, considerata la nostra condizione fisica e di salute.

2. Alleniamoci intensamente

Se mentre ci alleniamo notiamo di far fatica a trovare il fiato per chiacchierare con il nostro vicino, ma allo stesso tempo non stiamo ansimando per riuscire a respirare, significa che siamo riusciti a trovare l’intensità pressochè ideale per le nostre sessioni di esercizio fisico. Manteniamo quel ritmo e i risultati – e insieme a loro, la nostra salute – miglioreranno a gran velocità.

3. Stabiliamo una routine settimanale precisa

Quanto spesso dobbiamo allenarci? La frequenza che molti consigliano è elevata: dalle 3 alle 5 volte la settimana. Tuttavia, per chi come noi ha superato i 40, gli studi indicano che è possibile mantenere un ottimo livello di forma fisica anche con sole due sessioni di allenamento a settimana, purchè ben condotte. E attenzione: è provato che routine brevi e molto intense danno risultati molto superiori sul piano della salute rispetto a sessioni lunghissime e trascinate.

4. Rendiamo la routine regolare

Non serve alla nostra salute – e nemmeno al nostro aspetto fisico – gettarci a testa bassa, con sessioni doppie ogni giorno, nell’ultima moda di fitness letta su una rivista quando mancano due settimane alle ferie e ci accorgiamo che il costume ci stringe e quel vestito che volevamo indossare non entra proprio. La forma fisica e la salute si costruiscono gradualmente: meglio le nostre tre sessioni settimanali, brevi e ben costruite, ogni settimana dell’anno.

5. Troviamo gli esercizi che fanno per noi

Faranno bene gli esercizi di allenamento che fa un maratoneta? I maratoneti hanno fisici asciutti, molto fiato..
Faranno bene sicuramente: se abbiamo intenzione di correre una maratona. E allo stesso modo, non ha alcun senso seguire il programma di allenamento di un bodybuilder se non è quello l’aspetto fisico che ci interessa ottenere. Pensiamo ai nostri obiettivi, ai nostri limiti, e costruiamo – facendoci aiutare da professionisti e medici – una routine di allenamento che sia giusta per noi!